Due riflessioni sui commenti di Gentiloni e Fassina in merito alla vicenda greca

Dai commenti di Gentiloni e Fassina sulla vicenda greca vengono spontanee due riflessioni:

fassina grecia

Dai commenti di Gentiloni e Fassina sulla vicenda greca vengono spontanee due riflessioni: La prima è che a sinistra qualcosa ancora vive, anche se è difficile capire come Fassina possa stare nello stesso partito di Boldrini, Grasso, Bersani, D’Alema. La seconda è: ma da chi siamo stati governati? da un individuo evidentemente subdolo che considera un successo la distruzione dello Stato greco, la drastica riduzione di dipendenti pubblici, i tagli alle pensioni fino a livelli di fame, la macelleria sociale che ha dovuto subire il popolo greco da bambini ad anziani? Anche dal punto di vista economico non si è ottenuto nessun risultato positivo, infatti l’austerità, ovvero quella che doveva essere la cura per l’economia Greca, ha portato il debito pubblico dal 103% a oltre il 180% cioè lo ha quasi raddoppiato. Da quale punto di vista Tsipras ha “salvato il suo paese” secondo Gentiloni?