Privatizzazione della sanità in Grecia

Caos in Grecia: lo stato ellenico si avvia verso la privatizzazione della sanità. Migliaia di licenziamenti del personale ospedaliero. I medici protestano e i militari gli sparano contro gas lacrimogeni.

La polizia antisommossa spara gas lacrimogeni contro i medici ospedalieri che protestano contro la privatizzazione della sanità

Mercoledì la polizia antisommossa greca ha sparato gas lacrimogeni contro i medici ospedalieri nel centro di Atene. Durante gli scontri tra manifestanti e polizia, una persona anziana ha avuto un malore.

Gli scontri sono iniziati quando i membri del sindacato Associazione ellenica dei medici ospedalieri (OENGE) hanno tentato di entrare nella sala di Aigli Zappeion dove la Panhellenic Medical Association (PIS) ospitava un evento sulla pianificazione delle collaborazioni tra il settore privato e quello della sanità pubblica.

Alla fine, i manifestanti sono riusciti a entrare nella sala e interrompere l’incontro, portando così alla sua sospensione.

L’OENGE aveva in precedenza lanciato un’interruzione del lavoro dalle 9:00 alle 15:00.

Il sindacato dei medici degli ospedali pubblici accusa la leadership dell’Associazione medica di essere “in prima linea nella promozione dei piani del governo per la piena sottomissione della sanità pubblica” alle partnership tra i settori della sanità pubblica e privata e “della consegna della sanità pubblica ai grandi interessi privati.”

Il sindacato ha citato come “casus belli” la possibilità che “i medici privati ​​lavorino negli ospedali pubblici, che la gestione delle attrezzature tecnico-mediche sia affidata a società private e che lo status degli ospedali pubblici sia trasformato in quello di aziende private.”

Come precedente, hanno citato le trasformazioni del servizio sanitario nazionale britannico degli ultimi anni.

Fonte: https://www.keeptalkinggreece.com/2019/12/11/riot-police-tear-gas-hospital-doctors/  Tradotto da: sinistraineuropa.it